Non mi fido di chi usa le parole senza annusarne l’odore.
Non mi fido di chi parla d’amore e poi mette la mente davanti al cuore.
A volte, non mi fido neanche di me stesso, quando esco allo scoperto e poi mi sento perso.
Non mi fido di chi parla di sesso come fosse un’opzione, che poi alla fine è l’unica ENERGIA che accende un’emozione.

Non mi fido e poi sorrido: non si può perdere quello che non hai…
Se la ferita brucia significa solo che c’era fiducia.

Criptico, come un labirinto senza uscita.
Ostinato, controtempo e controvento…
A volte in ginocchio, altre volte in salita…
Mi fido solo di ciò che sento e non me ne pento…

E, quando lo faccio, non sbaglio, non perdo e non mi nascondo mai… Imparo a vivere semmai…