Afterlife: Marlene Kuntz in tour a Perugia | Nella tua luce | 02.08

0
53
Alberto Rocchetti

SABATO 8 Febbraio

Marlene Kuntz @ Afterlife @ Nella tua luce tour 2014

opening band Julian Mente Aftershow: Lory Muratti dj set

Sabato 8 febbraio l’Afterlife Club di Perugia è orgoglioso di ospitare una delle band di maggior successo del panorama musicale italiano. I Marlene Kuntz si sono trasformati negli anni da una band di culto, con un ristretto ma affezionatissimo pubblico, ad una realtà di punta del rock italiano, riconosciuta da tutti, come confermano anche i successi di vendite dei loro ultimi lavori. Cristiano Godano e soci non hanno rinunciato ai loro “comandamenti”, cercando di coniugare il noise-rock degli esordi con una forma canzone più accessibile al grande pubblico. Il Tour dell’album farà tappa in un numero ristrettissimo di club e sarà sponsorizzato da VIRGIN RADIO consacrando un connubio d’acciaio tra Marlene Kuntz e il mondo del Rock.

PREZZO BIGLIETTO INTERO: 15,00 euro
PREZZO BIGLIETTO IN PREVENDITA E LISTE: 15,00 euro CON CONSUMAZIONE INCLUSA

Prevendita ON LINE su www.afterlifeclub.it
Prevendita presso Piccadilly BoxOffice di Collestrada

Pagina Facebook: Marlene Kuntz
Twitter:  @MarleneKuntz

Opening band: JULIAN MENTE
Aftershow: Lory Muratti dj set

Foto by Amedeo Ferrante Foto

Marlene Kuntz nasce nel 1990 per opera del chitarrista Riccardo Tesio e del batterista Luca Bergia. Non molto tempo dopo vi si unisce il cantante e chitarrista Cristiano Godano, proveniente dai disciolti Jack On Fire. Arrivano alla finale di Rock Targato Italia nel 1993 e vengono subito notati da Gianni Maroccolo. Il primo album, “Catartica”, esce nel maggio 1994, e contiene già molti di quelli che diventeranno i “classici” della band, tuttora assai richiesti dal pubblico ai loro concerti. Alla fine dell’anno il disco è in testa a quasi tutti i reader’s poll della stampa specializzata. Nel maggio 1996 esce “Il vile”, primo disco di un’etichetta indipendente a far capolino nella top 50 della Nielsen. Anch’esso colleziona una serie di canzoni alle quali la band non potrà più rinunciare nelle performance live. Dal 1994 al 1997 i Marlene Kuntz non cessano mai la loro attività live diventando di fatto la band più apprezzata e seguita della scena rock italiana. Il 1998 vede l’uscita del mini album “Come di sdegno”, in cui si raccolgono alcuni inediti, remix di pezzi e una lunga improvvisazione di oltre 24 minuti, intitolata “La vampa delle impressioni”. All’inizio del 1999 esce “Ho ucciso Paranoia”, che, nella sua confezione doppia, comprendente il disco “Spore” di sole improvvisazioni, arriva al sesto posto della classifica dei dischi più venduti. Il disco è accolto dalla stampa specializzata come la prova più matura del gruppo. Al disco seguirà un lungo tour di oltre 80 date in giro per l’Italia, totalizzando complessivamente oltre 100.000 paganti. Tutto questa lunga e felice attività live culmina nella registrazione del loro primo album dal vivo, “H.U.P. Live in Catharsis”, che esce alla fine del 1999. Il titolo di tale disco racchiude e richiama in sé tutti i precedenti: Ho ucciso paranoia (H.U.P.), Il Vile (anagramma di “Live”) e Catartica (Catharsis). Il 13 ottobre 2000 esce “Che cosa vedi”, loro quarto album di studio contenente il famoso duetto con Skin “La canzone che scrivo per te”. Il disco supera la soglia delle 50.000 copie vendute, raggiungendo il traguardo del disco d’oro. In questi anni i Marlene Kuntz ed il mondo cinematografico si toccano più volte: Guido Chiesa sceglie la loro musica per la colonna sonora del lungometraggio Babylon, un paio di loro brani compaiono in Jack Frusciante è uscito dal gruppo e prendono parte al progetto Materiale Resistente, per il quale vengono realizzati un disco ed un film documentario. Nel 1997 è la volta di Tutti giù per terra, film tratto dal romanzo di Giuseppe Culicchia e girato da Davide Ferrario. Nel 2000 prendono parte al cortometraggio. A fine giugno 2002 tredici nuove canzoni sono pronte e si individuano in Rob Ellis e Head (produttori dell’ottimo Stories from the city, stories from the sea di P.J. Harvey) i collaboratori per la nuova avventura di studio. L’11 marzo 2005 esce “Bianco sporco”, sesto album. Registrato da Riccardo Parravicini tra Cuneo e Roma e prodotto interamente dai Marlene, il nuovo lavoro si avvale ancora del contributo di Rob Ellis, già produttore artistico di “Senza peso”, e di Victor Van Vugt, ingegnere del suono, missatore e produttore per Nick Cave, P.J. Harvey, Beth Orton e molti altri. L’album è preceduto dal singolo “Bellezza”, in programmazione radio dal 18 febbraio 2005. Il tour prosegue, con risultati straordinari di pubblico, fino a trasformarsi lentamente in una nuova veste, denominata dal gruppo “S-low”. Essa segna il primo tentativo di allargare il proprio suono ad una dimensione più intima. Lo scopo: variegare la propria creatività per evitare di fossilizzarsi nel cliché di band noise. Nel mese di Aprile 2007, con il patrocinio del Museo del Cinema di Torino e della Cineteca di Bologna, i Marlene Kuntz portano in tour uno spettacolo in cui, improvvisando dal vivo, sonorizzano il film muto degli anni ’20 “La signorina Else”, tratto dal romanzo di Arthur Schnitzler e organizzato per immagini dal regista tedesco Paul Czinner. Alla fine dello stesso anno esce “Uno”, settimo album di studio. Registrato a Cuneo e prodotto da Gianni Maroccolo, con la straordinaria partecipazione di Paolo Conte e Greg Cohen (contrabbassista di Tom Waits). Dal 25 gennaio in programmazione in tutte le radio: Musa, secondo singolo estratto dall’album. Al pianoforte: Paolo Conte. Nel tour seguente al disco Uno, il Live in love tour, si uniscono al gruppo Luca Lagash Saporiti al basso (ex La Crus e Amor Fou) e il polistrumentista Davide Arneodo. 16 gennaio 2008: esce per la collana 24/7 di Rizzoli “I VIVI”, esordio letterario di Cristiano Godano. Giunto, dopo una sola settimana, alla prima ristampa, è un libro di sei racconti a sfondo prettamente letterario e dunque narrativo. All’inizio del 2009 esce “Best of Marlene Kuntz”, prima raccolta ufficiale della band. “Festa Mesta”, “Retrattile”, “Canzone di oggi”, L’odio migliore”, “Bellezza”, “Musa”, “Uno”. Il 20 novembre 2009 esce per Ala Bianca Group “Cercavamo il silenzio…”, primo doppio CD/DVD live della band. ”Cercavamo il silenzio…” presenta il concerto che i Marlene Kuntz hanno tenuto al Teatro Sannazaro di Napoli. Il 7 maggio 2010 Canzone in prigione riceve la nomination come miglior canzone originale al David di Donatello 2010. Il brano è scritto e interpretato dai Marlene per il film di Davide Ferrario “Tutta colpa di Giuda”. L’ottavo album in studio “Ricoveri virtuali e sexy solitudini” vede la luce il 23 novembre 2010 per Sony Music. L’album si caratterizza per aver portato in studio il sound che la band ha collaudato negli ultimi tour con la nuova formazione a cinque. Un ritorno deciso alle atmosfere rock. La parte visiva è affidata ai video-artisti milanesi Masbedo (Niccolò Masazza e Jacopo Bedoni) che realizzano, dopo una settimana di riprese in Islanda, un progetto che si caratterizza per la realizzazione di 4 video (4 canzoni) fra loro collegati da un filo narrativo. Ne viene anche realizzata una versione da cortometraggio. L’album viene preceduto dal singolo “Paolo anima salva” in rotazione radio a partire dal 22 ottobre 2010. Il 2014 segna l’uscita di Nella Tua Luce, ultimo e straordinario lavoro della band.

Marlene Kuntz – Nella tua Luce

Julian Mente

I Julian Mente nascono nell’estate 2006. L’obiettivo primario era unire sonorità oltreoceano alla lingua italiana, cercando di alternare atmosfere cruente ad altre più delicate. La band inizia la composizione in sala prove nell’ottobre 2006 concentrandosi su pezzi rock alternative. Ad inizio 2009 esce l’EP Rumore, primo lavoro della band, registrato presso l’Urban Music Club di Perugia. Il disco gli ha permesso di farsi conoscere in Umbria, partecipando a vari concorsi e alle selezioni di Italia Wave, dove sono arrivati per due anni di seguito alla finale regionale, ma anche di aprire concerti a band come Giardini di Mirò, Ministri, 99 Posse.

Il 07 maggio 2011 esce Dal Profondo, primo album della band, registrato presso il Rokkaforte Studio di Matteo Burico. Dal Profondo li fa conoscere anche nel centro Italia. Nelle Marche vincono diversi concorsi, tra cui Bla Bla Festival e Sotterranea 2012, motivo di orgoglio per i Julian mente. Poco dopo  ricevono il premio “miglior arrangiamento” per la canzone Molecole, con la quale i JM hanno partecipato al festival Millenovecento Top Music del pianista Maurizio Mastrini. In estate 2012 entrano in studio per registrare il loro secondo album. A settembre 2012 finisce il missaggio del loro terzo lavoro, anche questo registrato e missato presso il Rokkaforte Studio di Matteo Burico. Frantumi è uscito il 21 dicembre 2012, presentato nel locale Serendipity a Foligno. Il 05 luglio 2013 i Julian mente vincono il primo premio del prestigioso concorso Anime di Carta 2013, contest nazionale svoltosi a Roma tra oltre 4.000 band partecipanti. Attualmente si sta lavorando alla promozione del disco.

Julian Mente – Neve da frantumi

Facebook Julian Mente
Julian Mente
Twitter Julian Mente
@julianmente

Lory Muratti Dj Set

Una collaborazione e un’amicizia, quella fra Lory Muratti e i Marlene Kuntz, che ha origini antiche e che ha preso vita in tante occasioni durante le quali il musicista, scrittore e Dj ha avuto modo di collaborare con la band in varie vesti. Nei suoi Dj Set, Lory Muratti viaggia in equilibrio tra elettro ‘80 e alternative, tra memorabilia e rock’n’roll, dando vita a una performance spiazzante, coreografica e fisicamente coinvolgente. Un percorso sonoro fatto con l’anima che rivela itinerari interiori, genera atmosfere, sensazioni ed emozioni adatte a essere danzate e vissute fino nelle loro profondità. Un Dj Set che trascina il pubblico a spasso nel tempo in modo coerente seppur imprevedibile, tra chitarre distorte e vecchi sintetizzatori analogici, tra groove picchiati e voci indimenticabili.

Lory Muratti – Angeli

Facebook Lory Muratti
Lory Muratti
Twitter Lory Muratti
@LoryMuratti

Afterlife Live Club

Per info, prenotazione tavoli e riduzioni:

Mattia Faleri: 393 9581898
Daniele Giraldi: 393 9581530
Damiano Giraldi: 393 9581531

Web Site: www.afterlifeclub.it
Email: info@afterlifeclub.it
Biglietti Online (clicca Qui)