Stagione di Prosa Magione Stagione di Prosa 2015-2016

Stagione di Prosa e Danza 2015-2016 del Teatro Mengoni di Magione


È partita la campagna abbonamenti per la Stagione di Prosa e di Danza 2015/2016 del Teatro Mengoni di Magione.

Celebri nomi come con Valentina Sperlì, Giuliana De Sio, Mario Perrotta, Iaia Forte, etc…

Per informazioni e prenotazioni della Stagione di Prosa e Danza 2015-2016 Teatro Mengoni di Magione, ci si può rivolgere telefonicamente presso il Botteghino Telefonico Regionale del Teatro Stabile dell’Umbria, tutti i giorni feriali, dal lunedì al sabato, dalle 16 alle 20, al n° 075/57542222. È possibile acquistare i biglietti on-line sul sito del Teatro Stabile dell’Umbria www.teatrostabile.umbria.it.

Botteghino Teatro Mengoni di Magione.
tel. 075 8472403

Il Cartellone Teatrale della Stagione di Prosa 2015/2016 del Teatro Mengoni di Magione

Un marito ideale

Titolo: UN MARITO IDEALE

regia e adattamento Roberto Valerio
di Oscar Wilde
cast: Roberto Valerio, Valentina Sperlì, Pietro Bontempo e con Alarico Salaroli, Chiara Degani e Luca Damiani
scene e costumi Carlo Sala
luci Nando Frigerio
una produzione Compagnia Umberto Orsini

Trama: Tre gennaio 1895, Royal Theatre, Londra. Va in scena la prima di An Ideal Husband dell’acclamato Oscar Wilde, noto in tutti i salotti per il suo straordinario talento di conversatore, incontrastato padrone delle scene londinesi. Per combattere il perbenismo e l’ipocrisia della sua epoca l’autore, sul canovaccio stereotipato della commedia vittoriana, innesta il suo formidabile gusto per la battuta caustica, l’aforisma fulminante, il dialogo frizzante, il nonsense, il paradosso, il virtuosismo verbale, gettando via in un soffio tutto il vecchiume e la polverosa ipocrisia di un’epoca. Roberto Valerio, assecondato da una compagnia capace di divertire e divertirsi porta in scena questa commedia poco rappresentata conquistando il pubblico.

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
giovedì 29 ottobre 2015 – ore 21.00

hanno tutti ragione

Titolo: HANNO RAGIONE TUTTI

regia Iaia Forte
tratto dal romanzo di Paolo Sorrentino
Cast: Iaia Forte e con Francesca Montanino
canzoni di P. Catalano e P. Di Capri
eseguite da Fabrizio Romano
elementi scenici Katia Titolo, Marina Schindler
una produzione Pierfrancesco Pisani e OFFROME in collaborazione con Nidodiragno Produzione e Distribuzione e Infinito

Trama: Tre gennaio 1895, Royal Theatre, Londra. Va in scena la prima di An Ideal Husband dell’acclamato Oscar Wilde, noto in tutti i salotti per il suo straordinario talento di conversatore, incontrastato padrone delle scene londinesi. Per combattere il perbenismo e l’ipocrisia della sua epoca l’autore, sul canovaccio stereotipato della commedia vittoriana, innesta il suo formidabile gusto per la battuta caustica, l’aforisma fulminante, il dialogo frizzante, il nonsense, il paradosso, il virtuosismo verbale, gettando via in un soffio tutto il vecchiume e la polverosa ipocrisia di un’epoca. Roberto Valerio, assecondato da una compagnia capace di divertire e divertirsi porta in scena questa commedia poco rappresentata conquistando il pubblico.

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
venerdì 6 novembre 2015 – ore 21.00

Milite Ignoto Perrotta

Titolo: MILITE IGNOTO

uno spettacolo di e con Mario Perrotta
tratto da Avanti sempre di Nicola Maranesi e da La Grande Guerra, i diari raccontano
un progetto a cura di Pier Vittorio Buffa e Nicola Maranesi per Gruppo editoriale L’Espresso e Archivio Diaristico Nazionale Spettacolo
una produzione Permàr, Archivio Diaristico Nazionale dueL – La Piccionaia

Trama: Milite Ignoto racconta il primo, vero momento di unità nazionale. È, infatti, nelle trincee di sangue e fango che gli “italiani” si sono conosciuti e ritrovati vicini per la prima volta: veneti e sardi, piemontesi e siciliani, pugliesi e lombardi accomunati dalla paura e dallo spaesamento per quell’evento più grande di loro.
“Una delle più strepitose prove d’attore degli ultimi anni. Perrotta racconta l’esperienza del conflitto attraverso una doppia, straordinaria invenzione: da un lato crea una lingua, un particolare impasto di dialetti […] Dall’altro la usa per evocare percezioni in primo luogo sensoriali, l’impatto uditivo, olfattivo, tattile con la guerra da parte di contadini analfabeti. L’effetto è sconvolgente.”

Renato Palazzi, Il Sole 24 Ore

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
domenica 22 novembre 2015 – ore 21.00

notturno di donna

Titolo: NOTTURNO DI DONNA CON OSPITI

di Annibale Ruccello
regia Enrico Maria Lamanna
Cast: Giuliana De Sio e (in o.a.) Gino Curcione, Rosaria De Cicco, Andrea De Venuti, Mimmo Esposito, Luigi Iacuzio
scene Roberto Ricci
costumi Teresa Acone
disegno Luci Stefano Pirandello
musiche Carlo De Nonno
una produzione Pietro Mezzasoma

Trama: L’azione si svolge in una casa a due piani nella periferia di una metropoli: Adriana, interpretata con straordinaria passione da Giuliana De Sio, porta avanti la sua esistenza, nel caldo afoso, tra canzoni e note di un pianoforte, tra televisione e una terza gravidanza, con un marito, Michele, che lavora di notte e ritorna a casa all’alba. Una sera accade che strani individui, temuti e desiderati da troppo tempo, si introducano in casa. Improvvisamente riaffiorano senza una logica i ricordi, angoscianti fantasmi del passato, che provocano in Adriana una reazione atroce, insensata, ma a lei necessaria per fuggire da quella prigione grigia e ossessiva.

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
mercoledì 9 dicembre 2015 – ore 21.00

una pura formalità 3

Titolo: Una pura formalità

versione teatrale e regia Glauco Mauri
Cast: dal film di Giuseppe Tornatore con Glauco Mauri e Roberto Sturno e con Giuseppe Nitti, Amedeo D’Amico, Paolo Benvenuto Vezzoso, Marco Fiore
scene Giuliano Spinelli
costumi Irene Monti
musiche Germano Mazzocchetti
una produzione Compagnia Mauri Sturno in collaborazione con Fondazione Teatro della Pergola

Trama: Ascanio Celestini, amato e apprezzato interprete del teatro di narrazione, porta in scena, in maniera grottesca e ironica, un Gesù improbabile che dice di essere stato mandato molte volte nel mondo e che si confronta coi propri dubbi e le proprie paure. Vive chiuso in un appartamento di qualche periferia. Dalla sua finestra si vede il parcheggio di un supermercato e il barbone che di giorno chiede l’elemosina e di notte dorme tra i cartoni. Con Cristo c’è Pietro che passa gran parte del tempo fuori di casa ad operare concretamente nel mondo: fa la spesa, compra pezzi di ricambio per riparare lo scaldabagno, si arrangia a fare piccoli lavori saltuari per guadagnare qualcosa. Questa volta Cristo non si è incarnato per redimere l’umanità, ma solo per osservarla.

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
domenica 10 gennaio 2016 – ore 21.00

chiamarsi Earnest

Titolo: L’importanza di essere Earnest

Cast: trad. e adattamento Federico Bellini
con Francesco “Bolo” Rossini, Caroline Baglioni, Edoardo Chiabolotti, Vittoria Corallo, Caterina Fiocchetti, Stefano Patti, Ludovico Röhl, Samuel Salamone, Giulia Zeetti.
scene Giuseppe Stellato
costumi Graziella Pepe
luci Simone De Angelis
musiche Franco Visioli
assisstente alla regia Brunella Giolivo

Trama: Dopo il successo di A scatola chiusa di Feydeau la Compagnia dei Giovani del Teatro Stabile dell’Umbria si cimenta con la messinscena del celebre testo di Oscar Wilde, The importance of being earnest. La regia è affidata ad Antonio Latella, uno degli artisti più innovativi e stimati del mondo teatrale. “Più leggo le parole di Wilde e più sento la necessità di “stare in ascolto”; ascolto la sferzante banalità, ascolto i tanti doppi sensi, ascolto la leggerezza, ascolto l’ironia, ascolto la cattiveria. Ascolto lo sfidarsi di fioretto, dove la “toccata” è un’abilità donata all’esperto della parola; tutto ciò che viene detto è per ottenere una risposta, una difesa, un attacco, un affondo programmato da chi parla. Con Wilde imparo ad ascoltare ciò che viene omesso, il non detto; comprendo che il vero dialogo non è nelle parole dette, ma in quelle nascoste abilmente dietro i suoi personaggi.”

Antonio Latella

Una produzione Teatro Stabile dell’Umbria Fondazione Brunello e Federica Cucinelli

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
domenica 24 gennaio 2016 – ore 21.00

aure

Titolo: AURE | UMBRIA IN DANZA

regia, dramaturgia, scena, luci, suoni Alessandro Serra
Cast: con Daria Menichetti, Francesco Pennacchia, Chiara Michelini
una produzione Teatropersona Regione Lazio-Assessorato alla Cultura, Arte e Sport Bassano Operaestate Festival, Teatro Fondamenta Nuove Venezia Rete teatrale aretina, Teatro Comunale Castiglion Fiorentino Fondazione Ca.Ri.Civ.

Trama: Lo spettacolo si ispira all’opera di Marcel Proust Alla ricerca del tempo perduto, un fiume placido e solenne di parole, ma soprattutto, un capolavoro pittorico, sinfonia perfetta di suoni e rumori. Nel suo quieto incedere la recherche si sfalda, il naturalismo si rompe, tutto evapora, rendendo indistinti oggetti e paesaggi. L’anima stessa è rivestita da un involucro corporeo. Aure, indicibili aloni di vita che ammantano ogni cosa.
“Nel lavoro di Teatropersona si possono riconoscere i grandi maestri, Mejerchol’d, Kantor, Grotowski, il teatro Noh e tanti altri, troppi per essere tutti citati, comprese le influenze cinematografiche. Tutti assimilati in uno spettacolo dalla straordinaria energia, cultura del corpo e pulizia dei movimenti. Con momenti che toccano il sublime.”

Giampiero Raganelli, Teatroteatro

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
sabato 13 febbraio 2016 – ore 21.00

IL PRANZO di babette

Titolo: IL PRANZO DI BABETTE

di Karen Blixen
traduzione Paola Oglietti
con Lella Costa
una produzione Sofia & Pistoia

Trama: Lella Costa, una delle artiste più colte e sensibili del teatro italiano, incontra uno dei racconti più emblematici della scrittrice danese Karen Blixen, quel Pranzo di Babette divenuto famoso grazie al celebre film diretto da Gabriel Axel del 1987. È la storia, come si sa, di un dono: Babette, cuoca francese riparatasi in un paesino della Danimarca decide di impiegare i diecimila franchi d’oro vinti a una lotteria in un pranzo succulento per soli dodici invitati. Un modo per offrire felicità autentica a persone che non se la possono permettere. In anni in cui il cibo è diventato un’ossessione, le parole preziose di Karen Blixen ci riportano, all’interno di una dimensione teatrale, a un’idea di ecologia dei beni comuni. Per dire che concetti come il tempo, la quotidianità e la festa sono da salvaguardare. E da riscoprire, lontano dal clamore

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
domenica 21 febbraio 2016 – ore 21.00

7th Sense

Titolo: 7TH SENSE | UMBRIA IN DANZA

ideazione, regia e scelta musicale Vahan Badalyan
coreografia Angela Torriani Evangelisti
in collaborazione con Arsen Khachatryan
interpretazione Arsen Khachatryan, Angela Torriani Evangelisti
video, riprese e montaggio Leonardo Filastò
testo armeno letto da Ara Deghtrikyan e da Angela Torriani Evangelisti,
Leonardo Filastò, Leonardo Diana
una produzione National Centre of Aesthetics – Small Theater
e Versiliadanza

Trama: Prima co-produzione teatrale nel mondo tra Italia e Armenia, lo spettacolo è una contemplazione del corpo, una meditazione dei sensi, una meditazione sensibile, formato da sette quadri ispirati al Libro della Lamentazione di G.Nareghatsi o Gregorio di Narek, famoso poeta, musicista e filosofo armeno del X secolo. Figura fondamentale della cristianità armena, il suo libro di Preghiera occupa un posto unico nella scrittura religiosa della Chiesa armena e universale. È stato comparato ai Salmi di Davide e alle Confessioni di Sant’Agostino. Lo spettacolo è una ricerca sull’enigma umano e sul senso di colpa. Attraverso un dialogo musicale e ritmico, la simbologia del gesto, visioni video e il linguaggio contemporaneo di danza, gli interpreti invitano lo spettatore a diventare testimone d’intense ed espressive situazioni che sfidano la comunicazione attraverso emozioni e sensazioni.

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
venerdì 4 marzo 2016 – ore 21.00

L’AMANTIDE

Titolo: L’AMANTIDE LOVE MACHT FREI

liberamente tratto da La moglie a cavallo di Goffredo Parise

drammaturgia Giodo Agrusta
regia Daniele Menghini
adattamento teatrale Giodo Agrusta e Daniele Menghini
Cast:  Giodo Agrusta, Cristina Daniele, Daniele Menghini, Ludovico Röhl
scene Manuel Menghini
luci Fabio Galeotti
costumi da un’idea di Daniele Menghini, realizzati da Le Sartoriali di Vichi & Orti
una produzione Malabranca Teatro

Trama: Lella Costa, una delle artiste più colte e sensibili del teatro italiano, incontra uno dei racconti più emblematici della scrittrice danese Karen Blixen, quel Pranzo di Babette divenuto famoso grazie al celebre film diretto da Gabriel Axel del 1987. È la storia, come si sa, di un dono: Babette, cuoca francese riparatasi in un paesino della Danimarca decide di impiegare i diecimila franchi d’oro vinti a una lotteria in un pranzo succulento per soli dodici invitati. Un modo per offrire felicità autentica a persone che non se la possono permettere. In anni in cui il cibo è diventato un’ossessione, le parole preziose di Karen Blixen ci riportano, all’interno di una dimensione teatrale, a un’idea di ecologia dei beni comuni. Per dire che concetti come il tempo, la quotidianità e la festa sono da salvaguardare. E da riscoprire, lontano dal clamore

Teatro: Teatro Mengoni di Magione

Data e Orario:
sabato 2 aprile 2016 – ore 21.00

Ritorna al Menù Principale

Eventi in Umbria

Eventi in Umbria

Eventi in Umbria è la rubrica di Fil Rouge dedicata a tutti gli eventi principali dell’Umbria, manifestazioni storiche, culturali, enogastronomiche, ludiche e d’intrattenimento (musica, concerti, esibizioni) della provincia di Perugia e Terni. Continua a leggere

Concerti in Umbria

concerti-in-umbria

Concerti Umbria 2015 è la rubrica di Fil Rouge dedicata a tutti gli appassionati di musica dal vivo. Prevendite dei biglietti, Interviste ai cantanti, Video interviste ai Fans, Scaletta del tour e Recensioni dei concerti più importanti in Umbria. Continua a leggere

Teatro in Umbria

Stagione di Prosa e Danza in Umbria 2015 - 2016

Stagione di Prosa e Danza in Umbria è la rubrica di Fil Rouge è la rubrica dedicata ai più importanti teatri dell’Umbria: Teatro Morlacchi di Perugia, Teatro Lyrick di Assisi e tutte le altre rassegne teatrali del circuito del Teatro Stabile dell’Umbria e Teatro Fontemaggiore. Approfondimenti, recensioni, interviste e tutto il calendario della stagione teatrale. Continua a leggere

SEGNALA NUOVI EVENTI IN UMBRIA

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto (richiesto)

Il tuo messaggio (richiesto)

captcha