Sono un seme stellare

Ciao! 
Sono un seme stellare.
Son qui, perché dov’ero io 
tutto già esisteva 
e non potevo germogliare.
Invece dove sei te… c’è vita ancora da plasmare:
storie da vivere e da raccontare!

Vi abbiamo dato indizi, incredibili inizi.
Chiavi che possono aprire tutte le porte.
Ma voi… non ci avete mai capito niente!

Vi abbiamo dato il codice binario,
il riassunto di quest’inventario.
Ma voi ci avete messo la mente: radio, internet e tv.
La programmazione peggiore per chi c’era già arrivato dopo un dejavu.

Ciao! 
Sono qui perché tu hai bisogno di me.
Pensi l’abbia scelto io!?
Venire in posto in cui si uccide per conto di un Dio?
No, se fosse stato per me, sarei rimasto nella Cintura d’Orione.
Con l’Universo a fare da cornice ad ogni mia creazione.

Vi abbiamo dato frutti, montagne, fiumi e laghi.
Intelligenza, scienza ed altri Mari.
Vi abbiamo dato conoscenza della vostra natura.

Ma voi, no! 
Non avete usato la chimica per fare l’amore in una caverna e per distinguere l’ombra dalla vera LUCE.
Ci avete fatto cemento, case, chiese e scuole…
Costruito e generato, occupando spazi e luoghi.
Avete pianto, morto, combattuto ed occupato…
E poi, quando non avevate più niente da fare, avete “ricordato” il nucleare, per estinguervi (ancora).

Ciao! 
Dove sono io c’è il riflesso di ogni cosa.
Ricevi quello dai, prendi quello che sei…
Ma, soprattutto, conta quello che fai!

È vero, mia madre è più abile di me: lei brilla e scoppia, brucia e vola via.
Cade dal cielo disegnando una scia.

Ma io non sono ancora STELLA.
Sono un SEME che cerca UMANITÀ.
Prima di andare via, però, vorrei germogliare.
Darvi finalmente il senso della felicità.

Perchè, mi rivolgo a te che sei in ascolto, NON PUOI NON SAPERE che ce l’avevi già…

Che vivi a fare?
Per ricordare, incidere e condividere…

Vivi per lasciare un messaggio a chi verrà dopo di te.
Perché tu stesso lo raccoglierai.
In un altro seme.
In un altro pianeta.
In un’altra vita.

..
.
Ciao ANIMA.
Ricordati…
Risvegliati!