Ecobonus: sì a finestre e infissi, ma con interventi trainanti

0
98
two windows installation workers installing double-glass pane

Sapete che il superbonus del 110 per cento si può applicare anche alla sostituzione di finestre e infissi? L’importante è che si eseguano anche altri interventi agevolati tra il 1° luglio 2020 e il 31 dicembre 2021.

Sì, perché ‘solitamente’ la sostituzione di serramenti e infissi godrebbe esclusivamente della detrazione al 50 per cento, ma si passa al 110 per cento se i lavori interessano grandi ristrutturazioni e riqualificazione energetica della propria casa o del condominio. In questo caso l’ecobonus diventa anche bonus finestre; è sufficiente che gli interventi di riqualificazione energetica vengano svolti in contemporanea.

Ma quali sono gli interventi trainanti necessari per passare dal 50 al 110 per cento, dunque all’ecobonus vero e proprio?

L’isolamento termico, ossia il cappotto termico, di superfici opache verticali e orizzontali che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al 25 per cento della superficie disperdente lorda dell’edificio medesimo (detrazione calcolata su un massimo di spesa di 60 mila euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio).

Gli interventi sulle parti comuni degli edifici, sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale esistenti con impianti di riscaldamento a condensazione o a pompa di calore, inclusi impianti ibridi e geotermici, anche abbinati all’installazione di impianto fotovoltaici.

Interventi sugli edifici unifamiliari adibiti ad abitazione principale per la sostituzione degli impianti di climatizzazione già esistenti con impianti per il riscaldamento, il raffrescamento o la fornitura di acqua calda sanitaria a pompa di calore, inclusi gli impianti ibridi e geotermici, anche abbinati all’installazione di impianti fotovoltaici (detrazione calcolata su un tetto massimo di spesa fino a 30 mila euro).

Ecobonus per finestre e infissi: 110 o 50 per cento

Se c’è almeno uno di questi tre interventi, detti trainanti, allora la detrazione del 110 per cento o lo sconto in fattura o la cessione del credito d’imposta si applicano anche per ulteriori interventi di risparmio energetico: acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi o di schermature solari. Naturalmente, vale sempre il limite della classe energetica, che deve migliorare almeno di due classi.

Per tutti gli altri, ossia la sostituzione di finestre, infissi o l’acquisto di tende da sole senza ulteriori interventi di ristrutturazione, la detrazione è pari al 50 per cento del costo finale per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2020. Il costo si sostiene interamente, ma la metà può essere portata in detrazione e recuperata in dieci anni con dieci rate di pari importo.