Cosa fare, cosa vedere, a Foligno

La città di Foligno è situata in Umbria. L’Umbria è una regione del centro Italia, si dice che ne è il suo cuore, Il “cuore verde d’ Italia”. Foligno è la terza città della regione per numero di abitanti dopo Perugia e Terni. Situata nella parte centro-orientale dell’ Umbria, Foligno si distende ai piedi dell’ Appennino umbro-marchigiano, adagiata nella piana della confluenza dei fiumi Topino e Menotre.

Il suo punto di forza e le sue eccellenze commerciali, turistiche e logistiche le devono alla sua posizione strategica. La tradizione folignate racconta che un birillo rosso, posto al centro del biliardo di quello che fu lo storico Gran Caffè Sassovivo, facesse di Foligno il centro del mondo, o come dicono i locali “lu centru de lu munnu”. La centralità di questa città, sia situata al centro dell’ Umbria,dell’ Italia ma anche di molti svincoli ferroviari e stradali, fanno si che sia chiamata Rosa dell’ Umbria, i cui petali sono costituiti dalle città limitrofe addossati alle colline.

Ruolo importante nel campo manifatturiero, qui in questa città c’è la vera industria aerospaziale meccanica, ma sicuramente città qualificata come punto di attrazione turistica straordinaria.

Cosa e come visitare Foligno

Prima di tutto una bella passeggiata nel centro storico, piccolo ma suggestivo e ricco di tesori. Arrivati in Piazza della Repubblica potrete ammirare uno straordinario insieme architettonico, costituito dal Duomo, dal Palazzo Comnunale e da Palazzo Trinci.

Il duomo di Foligno è dedicato a San Feliciano, patrono della città, e costituisce uno splendido esempio di edificio in stile neoclassico – barocco. Da non perdere al suo interno, il Museo Capitolare Diocesano e la Cripta di San Feliciano. Sempre in stile neoclassico il palazzo Comunale del XIII sec. ed affiancato dalla torre merlata del ‘400.

Palazzo Trinci sede della Pinacoteca. Ultimato nel 1407 e restaurato nel 1949, presenta una facciata Neoclassica e una magnifica scala gotica. Al suo interno la Sala del Consiglio con volte, le pareti affrescate dal Piervittori e un enorme camino in pietra del ‘500.

Attiguo al Palazzo si trova Palazzo Orfini, antica dimora di Emiliano Orfini, il tipografo che stampò la prima edizione in lingua italiana della Divina Commedia, con un bel portale del 1500.

Recatevi poi in piazza del Grano per ammirare la Biblioteca Comunale. Realizzata in stile gotico nel 1402, la chiesa di San Giacomo, posta sull’ omonima piazza, è caratterizzata da bande bianche e rosse, un portale e un chiostro. In largo Carducci segnaliamo l’Oratorio della Nunziatella, del 1492, dove è esposta un’opera del Perugino raffigurante il “Battesimo di Gesù” ed il “Padre Eterno” ed un tabernacolo opera di Lattanzio di Nicolò Alunno.

Affacciandosi su piazza San Domenico potrete ammirare l’omonima chiesa del XIII sec., con campanile del XIV secolo e una delle costruzioni sacre più antiche di Foligno: Santa Maria Infraportas, chiesa romanica del 1138. Trasformata nell’ attuale Auditorium San Domenico, rappresenta un ottimo esempio di fusione tra antico e moderno. A proposito di modernità, particolarissima è l’opera di De Dominicis ospitata dall’Ex Chiesa della Santissima Trinità in annunziata: la calamita cosmica.