Etichette Rfid: perché si gestisce meglio un magazzino

0
217

Come e perché utilizzare la tecnologia Rfid per la gestione di un magazzino? Intanto, bisogna dire che questo tipo di sistema permette effettivamente di avere un controllo preciso della situazione del magazzino. La gestione avviene in maniera semplice: quando l’etichetta viene letta dal lettore, questo invia l’informazione a brevissimo termine al programma al quale è stato collegato.

Facciamo un esempio: se si registrano merci in uscita, si potrà notare come ogni volta che un’etichetta viene letta, un’unità viene rimossa dal totale delle giacenze. In questo modo, sarà possibile anche sapere il momento in cui bisogna fare un ordine. Il magazzino, in pratica, verrà aggiornato in tempo reale e automaticamente nel momento in cui si trascina l’etichetta sul lettore.

Naturalmente, vale anche l’inverso. E cioè possibile sapere immediatamente le diverse entrate che ci sono state in magazzino. Anche queste verranno infatti aggiornate automaticamente grazie alle etichette che vengono sottoposte alla lettura mediante l’apposito strumento.

Si può quindi ben capire perché utilizzare l’etichetta Rfid per la gestione di un magazzino, anche complesso. Questo potrà essere sfruttato in maniera più professionale e sicuro senza che possano sorgere complicazioni di alcun genere.

Il tag Rfid permetterà di tracciare e rintracciare le informazioni in maniera completa e avanzata, in quanto è associato a un processo di identificazione univoca. Non solo: si rende più trasparente il passaggio dei dati, evitando errori che sono invece ricorrenti quando la gestione viene fatta manualmente. L’elettronica, in questo caso, può davvero di più dell’uomo.

Si può anche quantificare economicamente il vantaggio dell’uso delle etichette Rfid nella gestione di un magazzino. Abbiamo una riduzione degli stock tra il 60 e l’80%, accuratezza dell’inventario tra il 98 e il 99% , dimezzamento dei tempi di spedizione (-50%), controllo dei colli più veloce (+90%), riduzione dei costi d’inventario tra il 30 e il 50%, aumento delle vendite pari al 18% grazie alla riduzione dell’out of stock.