Armonie D’Arte 2013, costumi, arte, musica e sapori a Montefalco | Eventi Umbria

0
745

Armonie D’Arte 2013, costumi, arte, musica e sapori a Montefalco | Eventi Umbriasacro e profano, Armonie d'arte

“ARMONIE D’ARTE 2013”

Montefalco << 2 giugno-31 agosto 2013

Domani, sabato 15 giugno, continua a Montefalco il viaggio di “Armonie d’Arte”, tra costumi, arte, musica e sapori. A partire dalle 17 presso il Chiostro di Sant’Agostino la partenza delle visite guidate alle mostre “Il sacro e il profano, storie di costume e di cinema” e “Vestiti d’arte”, insieme alle curatrici Alessia Vergari e Claudia Bottini. Alle 18.30 una degustazione rinascimentale curata da Anna Maria Grillo presso i giardini del Museo San Francesco introdurrà al concerto delle 21 dal titolo “Musica disonesta, miti e racconti dell’umanesimo italiano” a cura dell’ensemble Anonima Frottolisti

MONTEFALCO – Proseguono gli appuntamenti del ricco programma di Armonie d’Arte, che fino al 31 agosto animerà ancora Montefalco con una fitta serie di iniziative. Il viaggio tra costumi, arte e musica continua domani (15 giugno) a partire dalle 17 presso il Chiostro di Sant’Agostino per la partenza delle visite guidate alle due mostre inaugurate le scorse settimane, insieme alle curatrici Alessia Vergari e Claudia Bottini.

La terza edizione di Armonie d’Arte nasce infatti anche quest’anno come un evento con l’obiettivo di trascinare il pubblico in un percorso fatto di tessuti, note, immagini, parole, suggestioni artistiche e sapori. L’Associazione MontefalcoinArte, organizzatrice dell’evento, ha puntato su mostre di costumi di scena e di abiti-scultura.

Fino al 14 luglio le sale del Museo di San Francesco continuano ad ospitare la mostra “Il Sacro e il Profano, storie di costume e di cinema” (inaugurata il 2 giugno) a cura di Alessia Vergari con i costumi di scena realizzati dal premio oscar Danilo Donati per i film di Pier Paolo Pasolini che stanno sorprendendo il pubblico per la loro arcaica semplicità.

vestiti d'arte

La mostra al Chiostro di Sant’Agostino dal titolo “Vestiti d’Arte” (inaugurata il 9 giugno) a cura di Claudia Bottini, andrà avanti fino al 6 luglio e propone, invece, una rilettura contemporanea dell’abito grazie a noti artisti umbri e piemontesi di fiber art e art wear.

Alle 21, presso il Museo Civico di San Francesco, sarà la musica protagonista della rassegna, con l’iniziativa “Musica disonesta, miti e racconti dell’Umanesimo italiano” caratterizzata dal concerto dell’ensemble Anonima Frottolisti. Storie della quotidianità del Quattrocento, musicate con strumenti copie originali dell’epoca, che racchiudono un significativo spaccato della cultura popolare e del contesto storico e sociale dell’epoca.

“Musica disonesta” si basa sull’assunto secondo il quale il Quattrocento racconta la contaminazione tra due universi culturali: scritto e orale. Il limite tra i due contesti appare assai sottile, tanto da far convivere le due tradizioni in uno stesso universo comunicativo: modi di dire, figure allegoriche, citazioni popolari, convergono in tal modo in una stessa chiave di lettura culturale. I brani raccontano storie, sentimenti e personaggi apparentemente generici ma che, in verità, risultano uno spaccato del contesto culturale depositario di antiche conoscenze, dove ciò che appare non è semplicemente ciò che viene scritto, ma la rappresentazione di un enorme contenitore di significati.

vestiti d'arte 1Ad introdurre il concerto, alle 18.30, sarà la suggestiva degustazione ispirata alla cucina Rinascimentale curata da Anna Maria Grillo presso i giardini del Museo San Francesco. Lo spettacolo e le visite guidate saranno così accompagnate da questa degustazione rinascimentale (mentre le iniziative del 22 giugno prossimo dalla cucina Medievale), perché torna, anche nella storia del cibo una dicotomia ancestrale tra sacro e profano, tra proibito ed ammesso.

L’edizione 2013 di Armonie d’Arte, vuole infatti riproporre l’attenzione sul tema dalla dualità tra la cucina Medievale e quella Rinascimentale, due dimensioni storiche che, anche dal punto di vista enogastronomico, incarnano una forte contrapposizione. Dalla semplicità delle tavole Medievali, all’opulenza dei banchetti Rinascimentali, dove prendono vita vere e proprie messinscene con l’ausilio di artigiani e professionisti, perché il cibo è momento di piacere e di studio, come testimoniano il fiorire di attività editoriali sulle arti della tavola. La cucina Rinascimentale eredita i suoi sapori dal Medioevo, dove dominano l’uso delle spezie e dello zucchero, degli arrosti, della frutta e delle salse, abbandonandone però alcuni pregiudizi, di cui l’atto del mangiare era impregnato.

Ricordiamo infine che la terza mostra che caratterizza l’edizione 2013 di Armonie d’Arte sarà invece inaugurata sabato 27 luglio presso le sale espositive del Museo: “Dalla grazia alla bellezza inquieta” a cura di Paola Bortolotti, Andrea Grisanti e Alessia Vergari, andrà poi avanti fino al 31 agosto con protagonisti i costumi e gli accessori di scena dei film curati dalle sartorie Casa d’Arte Cerratelli e Gelsi Costumi d’Arte, come “Romeo e Giulietta” di Franco Zeffirelli e “La figlia di Elisa, ritorno a Rivombrosa” di Stefano Alleva.

Info: www.montefalcoinarte.it – info@montefalcoinarte.it

vestiti d'arte 2

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.