Istituto Italiano Design, concluso Laboratorio di sperimentazione

0
442

Istituto Italiano Design

concluso ‘Laboratorio di sperimentazione’

Allievi di industrial design laureati con progetti di innovazione per Grigi, Oksun, Bioservice e Gpt. I 4 prototipi saranno esposti il prossimo autunno negli spazi dell’Ex fate bene fratelli di Perugia

 

(Avi News) – Perugia, 2 lug. – Sette allievi e quattro prototipi da lanciare sul mercato sono stati i protagonisti della chiusura del progetto ‘Laboratorio di sperimentazione’ dell’Istituto italiano design di Perugia. Un programma che ha visto gli studenti del terzo anno del corso di Industrial design entrare in quattro aziende umbre (Grigi, Oksun, Bioservice Italia group e Global network solution Gpt), realizzare dei progetti di innovazione tecnologica del prodotto e farne la propria tesi di laurea, discussa mercoledì 2 luglio nella sede del Credito cooperativo umbro in piazza IV Novembre a Perugia. Alla cerimonia erano presenti Matteo Gradassi, Floriana Pucci, Elisabetta Furin, rispettivamente direttore e docenti dell’Iid, Alessandro Fancelli, presidente dell’Associazione per il disegno industriale (Adi) Umbria, Massimiliano Brilli per Gpt, Daniele Grigi per il Gruppo Grigi, Cinzia Proietti per Bioservice, Andrea Nucci per Oksun e Antonio Marinelli, presidente dell’istituto bancario che ha ospitato l’evento.

“Con la conclusione del laboratorio – ha commentato Gradassi – ribadiamo uno dei grandi obiettivi dell’Istituto italiano design, l’idea cioè di una cultura del progetto da diffondere sul territorio. Siamo molto soddisfatti del lavoro dei ragazzi e ci auguriamo il meglio per il loro futuro. Intanto, possiamo annunciare che i quattro prototipi realizzati saranno esposti il prossimo autunno negli spazi dell’Ex Fate bene fratelli dove oggi è visibile Sensational Umbria di McCurry”.

Gloria Feltrin, Federica Cistellini, Adriana Sgaramella, Domenico D’Amico, Benedetta Moretti e Mattia Trinari, i nomi degli studenti che hanno conseguito la laurea in Industrial design con votazione di centodieci su centodieci. Lode per Matteo Lorenzon e il suo progetto per Grigi.

“Il mio progetto – ha detto Lorenzon – ha analizzato la nuova agricoltura 2.0 con due prodotti: ‘cocca punto zero’, per l’allevamento di galline ovaiole in terrazzo, e ‘ortin punto zero’, orto pensile per coltivazioni in appartamento senza terrazzo o tetto piano”.

“Per Bioservice abbiamo realizzato ‘Zed’, un progetto modulare di attrezzatura e arredo per centri di cura e benessere – hanno aggiunto Sgaramella e D’amico –. Abbiamo pensato ad uno spazio all’interno del quale i protagonisti sono un lettino e un carrello, entrambi modulabili e componibili”.

“Abbiamo collaborato con Oksun – hanno spiegato Cistellini e Feltrin – e creato ‘Twist&shop’ con il restyling del ‘semaforo del sole’ che misura l’intensità dei raggi Uv e quello della ‘vending machine’ che distribuisce, meccanicamente, creme solari. Inoltre, abbiamo realizzato un packaging ad hoc”.

“Con ‘Animateria’ ci siamo occupati di packaging ecosostenibile ed ecostand – hanno concluso Moretti e Trinari –. Abbiamo progettato una shopper per il pane e una per gadget, una seduta e un allestimento dal recupero di scarti di cartone e plastica”.

Questi, dunque, i risultati del progetto e dei tre anni di studio di Industrial design alla scuola perugina  per i sette laureati. Un traguardo che i ragazzi, provenienti da Umbria, Puglia e Veneto, hanno festeggiato insieme ai docenti con un aperitivo, al termine della sessione di laurea, nella terrazza panoramica del Ristorante del sole, sempre nell’acropoli di Perugia.

Maria Cristina Costanza

 

Avi News

Tel: 075 5733522 
Web Site www.avinews.it
Twitter  AviNewsPerugia
Facebook Avi News Perugia