Serendipity, il programma di Novembre | Basic Soul Unit, Convextion, Laurel Halo, Plutino e Ame

0
213

Ti piace filrouge.it? Dillo su Facebook! Seguici anche su Twitter!

PROGRAMMA NOVEMBRE 2012

Basic Soul Unit, Convextion, Laurel Halo, Plutino e Ame allieteranno le serate in programma al Serendipity nel mese di Novembre.

SABATO 3 – start h. 23.00 > Reverse event > BASIC SOUL UNIT (CDN, Versatile / Creme Organization)

Nato a Hong Kong e cresciuto in Canada, Stuart Li iniziò ad interessarsi alla club music da adolescente negli anni 80, ascoltando le radio indipendenti universitarie di Toronto e frequentando la scena multiculturale della città, in cui i DJ suonavano una selezione che prendeva spunto dalla musica house di New York, Chicago, Detroit ed europea. Etichette di riferimento per Stuart sono state la Trax, DJ International, KMS, Nervous, Strictly Rhythm & Nu Groove. Il suo interesse per generi diversi diventò la sua specificità, attraverso un DJ set versatile che può passare dal funky alla Techno fino alla deep house piena di soul. http://www.residentadvisor.net/dj/basicsoulunit

SABATO 10 – start h. 23.00 > CONVEXTION (USA, echospace, Bleep43 Recordings)

Gerard Hanson, aka Convextion e E.R.P., è nato nel 1972 nel Dallas, Texas USA. Dopo aver lanciato ‘Hardsync’, rivista dedicata alla musica elettronica, pubblica il suo primo 12″ su Matrix nel 1995, seguito da 5 ep nei due anni successivi. Al momento ‘buono’ quindi lascia e si dedica alla produzione per solo uso personale, convinto che le etichette e l’interesse che iniziava a circondarlo fosse superficiale e nocivo alla sua musica. Dopo qualche anno l’etichetta Down Low lo convinse a riprendere la sua produzione e pian piano uscì dalla oscurità. Ora suona in pochi club selezionati. http://www.residentadvisor.net/dj/convextion

SABATO 12 – start h. 23.00 > Dancity Nights >LAUREL HALO

Descrivere la musica di Laurel Halo è difficilissimo, se non impossibile, proprio perché ha tanto di viscerale in un linguaggio che si oppone alla verbalizzazione. Il suo è un trasporto libero, ma non per questo semplice sfogo fisico, in cui ci sono tutti i riferimenti ad una ‘classica’ musica elettronica eppure sommersa in uno spazio atemporale. Il tutto inquadrato poi da una voce che crea melodie sovrastrutturali disarmanti. ‘Quarantine’ per Hyperdub è uscito quest’anno. E’ un album che ci introduce alla giovane produttrice newyorkese e ci fa capire che seguirà molto altro ancora. http://www.laurelhalo.com

 

GIOVEDI’ 22 – start h. 22.00 > PLUTINO (USA/IT, Spacebone Records) > Beppe Scardino (sax baritono), Bobby Previte (batteria e percussioni), Francesco Diodati (chitarra elettrica) & Gianluca Petrella (trombone ed effetti)

Bobby Previte, uno dei più celebrati batteristi del new jazz contemporaneo, lo presenta semplicemente come “un nuovo trio”: fossero tutti così i “nuovo trio”! L’energia e la freschezza di questa formazione è davvero cosa rara. Vincenzo Roggero di All about Jazz lo descrive così: “Musica che proviene dallo spazio, decifrabile con codici terrestri, scansioni ritmiche implacabili, grovigli di onde sonore impazzite, tempeste magnetiche che disorientano l’ascoltatore e lo trascinano in vorticosi buchi neri. Ma anche oasi di tranquillità e momenti di stupore di fronte alla bellezza che ancora (r)esiste nel nostro mondo…”. In breve, un gruppo che usa la melodia come veicolo per “parlare in un’altra lingua”, forse visionaria o forse no, ma sicuramente “avanti” e dannatamente affascinante. Il disco è uscito da poco per l’etichetta di Gianluca Petrella Spacebone Records, che per questo tour promozionale ha scelto di accompagnare il trio, infondendo al progetto ancor più spessore qualitativo.

SABATO 24 – start h. 23.00 > ÂME (D, Innervisions, Sonar Kollektiv)

Âme è un duo di musica elettronica composto da strati diversi che Kristian Beyer e Frank Wiedemann hanno raccolto durante gli anni. Entrambi nati a Karlsruhe, in Germania: stesso quartiere, stesso giorno, mesi diversi. Frank porta con sé la sua eredità jazz, padre trombettista e madre tanto appassionata da aprire un jazz club. Kristian, dopo una prima iniziazione formale classica, abbandona la chitarra per poi ritrovarsi qualche anno più tardi a lasciare l’università per aprire un negozio di dischi: è lì che i due s’incontrano e decidono di suonare insieme. Frank è il musicista del duo, compone i singoli suoni e definisce gli strati, Kristian segue di più la produzione, è quello che riesce a combinare il tutto, a farlo scorrere e a dargli sapore. Iniziano proprio a Karlsruhe, in alcuni party; successivamente, dopo aver conosciuto Dixon ed Henrik Schwarz, incidono alcuni brani per la Sonar Kollektiv, finché non decidono di fondare una propria label, Innervisions, una “sotto-etichetta” della SK. E così producono il famosissimo ep “Rej”, tra molti altri; l’anno scorso è uscito il quarto mix CD “Primary Structures”. http://www.residentadvisor.net/dj/ame

LEAVE A REPLY

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.